By Gavino Puggioni On novembre 22nd, 2010

 

 

 

Nel buio di una stanza
disegni di luce
una mano scarnita
stringeva il tempo
la luna riposava
il mare fuggiva
dietro le quinte
della vita.
.
in silenzio
.
Gavino Puggioni

.

5 Responses to “”

  1. Caro Gavino, forse: quella “mano scarnita” è la nostra che vuole trattenere il tempo.
    Ma… tutto scorre in fretta.
    Affettuosi saluti
    Graziella

  2. Luce, o Buio? Cos’è davvero la nostra vita? Una realtà, fatta di forme colori, sentimenti, o un teatro di ombre cinesi destinato al nulla, di fronte all’Infinito?
    Caro Gavino, io non so commentare le Poesie, so solo esprimere ciò che mi comunicano.
    Quando mi parlano così, le trovo stupende.
    Tu poi, hai scelto lo sfondo che più mi ispira.
    La musica trascina via… sempre approppriata.
    CIAO !
    Rosella

  3. Caro Gavino mi ha colpito la “mano scarnita”, forse è la tua, ma come dice Graziella è simile alla nostra che s’illude di acchiappare il tempo, e alla fine cerca di afferrare quell’attimo “in silenzio”. Grazie per l’emozione, un abbraccio.
    Roberta

  4. stupenda, poi quella mano che stringe il tempo scarnita….una meraviglia!!
    Miriam

  5. Versi che si fanno luce in un un buio “contesto” chiuso e vanno ad accarezzare l’essenza della vita che fugge col tempo in silenzio. Bellissime immagini che regalano intense emozioni.

Leave a Reply

*