I miei Links

Technologeek Word

Wed 2010

Pagine

Commenti recenti

Calendario

novembre: 2012
L M M G V S D
« ott   dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Elenco Siti

Categorie

Archivi

Log In

Partecipo alla Collettiva d’Arte “Luminosità” presso la galleria d’arte Artemisia Gallery Bergamo, dall’ 8 al 23 dicembre, con il dipinto “Dono i sogni”.

Luogo: New Artemisia Gallery

 Indirizzo: Via Gianbattista Moroni 124 Bergamo

 Titolo: Luminosità

 Date: dal 7 al 23 dicembre 2012

 Inaugurazione: 8 dicembre ore 16.30

 Aperto:  dal lunedì al venerdì dalle 15,00 alle 19,00 – sabato dalle 9,00 alle 12,00 e dalle15,00 alle 19,00 – domenica dalle 15.00 alle 19.00

 Artisti: Angeli Maristella, Bortolussi Andrea, Buttitta Antonio, Canonico Marinella, Casati Francesco, Cervellera Antonio, De Leo Claudio, Duò Manuel, Fiaschi Lucia, Giunti Raffaello, Isacchi Dina, Lacchinelli Marilena, Lazzarini Pamela, Luongo Luca, Manzi Loredana, Occorsio Giulia, Ore Francesca,Remondini Paolo, Serina Irene, Tognon Sara

 La luce diventa la protagonista di tutte le opere presenti in questa collettiva, attraverso la luce si controlla l’equilibrio dell’opera, la composizione, l’atmosfera e le sensazioni generate dai colori. La luce viene vista come qualcosa di concreto, preciso, continuo, certo. La luce diventa il primo materiale della creazione sia per pittura, scultura, fotografia, acquarello e grafica, diventa l’elemento centrale della costruzione e della creazione dello spazio. Proprio la luminosità impreziosisce l’armonia delle forme. Le creazioni degli artisti devono unire all’arte fantasia e cultura, dando vita ad opere preziose, uniche ed inconfondibili, rispecchiando la personalità di chi le crea.

 Indirizzo: www.galleryartemisia.com; maracampaner@gmail.com

 Numero di telefono: 035 241481

 Ingresso libero

 Brochure  in galleria

 Cura: Mara Campaner

 Si ringrazia L’associazione Il Piave

 

Luminosità - Natale in Arte

Luminosità – Natale in Arte
Tag:

Una poesia che più di tante parole, possa toccare chi non rispetta, chi violenta e uccide donne.

 

Stupro

 

Fiato sul collo

brividi lungo la schiena

e la mano che afferra

il sangue sul viso

il conato di vomito

 

l’odore acre di sudore malato

la croce sul petto

immolata al dolore

 

la nebbia negli occhi

il terrore nel viso

 

il resto è dilaniato

sbranato e reso a brandelli

stuprata

 

Maristella Angeli

(da “In ascolto” MEF L’Autore Libri Firenze)

Stelle cadenti dipinto di Maristella Angeli

Stelle cadenti dipinto di Maristella Angeli

Tag:

Si parla di crisi ormai da tempo, ogni giorno ci martellano notizie che ci procurano ansie e preoccupazioni.

Sembra che l’Italia dei grandi talenti, dell’Arte, della moda, della cultura, del cinema e della storia passi in secondo piano.

Ormai stiamo a contare anche gli spiccioli, abbiamo tagliato le spese. Dove di può risparmiare? Su tutto ciò che “fa funzionare il cervello” su ciò che può far pensare e riflettere: cinema, spettacoli mostre, viaggi, libri. Su che altro? Sull’abbigliamento, parrucchiere, estetista, profumeria, palestra.

Si cercano gli sconti, le offerte speciali cioè si conduce una vita in cui le poche cose, che donavano momenti preziosi o antistress vengono limitate o annullate.

Dato che al telegiornale non si vede più di tanto, mi guardo intorno. Che cosa vedo? La mia amica a cinquantuno anni è stata licenziata. Rimettersi in gioco a questa età è facile? No, neanche pensare ad un trasferimento poiché mantenersi con uno stipendio impiegatizio è davvero improbabile. Altro? Mia cugina ha cinquantatré anni e ancora attende di essere immessa in ruolo, una conoscente, divorziata con una figlia, ha perso il lavoro e non può permettersi di acquistare un computer per poter inviare domande d’impiego. Molti i negozi che chiudono per fallimento, moltissimi i visi tesi e preoccupati. Furti e delinquenza in aumento.

Tante le situazioni difficili e molto gravi!

E i giovani? Quelli che conosco sono depressi e avviliti, si chiedono se valga ancora la pena di studiare, pensano che l’unica speranza sia partire (con quali soldi?) cercano lavoretti occasionali, che comunque non daranno una loro autonomia economica.

E i genitori?

Manterranno i propri figli eternamente? Avranno il denaro sufficiente per il master universitario o altro? Manterranno anche i figli dei figli?

Per quanto riguarda la scuola ci sono i “miracolati” e i “condannati”, cioè chi è riuscito ad andare in pensione con tutti i benefici e chi, sfortunatamente più giovane, non godrà degli stessi vantaggi.

Eh sì, se si pensava che essere più giovani poteva essere un vantaggio, si sbagliava di molto: da sempre si è nella categoria dei “condannati”. Perché meno bravi? No, perché in possesso di maggiori titoli e qualificazioni importanti di cui nessuno tiene conto.

Pensate che anni fa, si poteva insegnare con solo la Maturità d’Arte o i Diplomi Professionali, si prendeva l’abilitazione con il solo Corso abilitante e si poteva insegnare alla Scuola Primaria con il solo Diploma Magistrale.

Pensate avevo superato l’abilitazione per insegnare Educazione Artistica e non mi era stata convalidata, poiché non avevo compiuto diciotto anni. Ed i miei compagni di classe? Alcuni l’hanno avuta perché ripetenti, ed hanno insegnato subito!

Eppure pensavo che ottenere il massimo della votazione nei titoli potesse fare la differenza, ma mai lamentarsi, già avere un posto è molto. Eh sì, ci dicono così anche se il nostro contratto di lavoro sarà bloccato ulteriormente, gli scatti d’anzianità e l’indennità contrattuale saranno bloccati fino al 2014.

E chi aveva potuto ottenere la pensione baby” chi aveva 14 anni 6 mesi e 1 giorno di contributi se si trattava di donne sposate con figli, 20 anni per gli statali, 25 per i dipendenti degli enti locali”. (http://www.lastampa.it/2011/10/28/cultura/domande-e-risposte/baby-pensioni-che-cosa-sono-FaQcd4u33SGfVDPGIbEvhM/pagina.html) I Fortunati!

A proposito nessuno parla dei tagli che ci sono stati nel Sostegno: ore in meno sia per gli ins.ti di Sostegno che hanno avuto tre casi invece di due, e per l’assistenza.

Un periodo così difficile dal quale speriamo di uscire presto, prestissimo!

 

Emigranti

 

Nel nero della notte

il giallo del sole

l’oro della spiga di grano

 

lavoro, l’aratro e i solchi

fumo di officina e ritmo

di passi affrettati

 

chi parte, chi arriva

treno che attende

 

valige gonfie di lacrime

ricordi a fare compagnia

 

Maristella Angeli

(Da “In ascolto” MEF L’Autore Libri Firenze)

Tag:
Rss Feed

Featuring WPMU Bloglist Widget by YD WordPress Developer