I miei Links

Technologeek Word

Wed 2010

Pagine

Commenti recenti

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Elenco Siti

Categorie

Archivi

Log In

Note critiche

 

Sulla sua produzione letteraria hanno scritto, tra gli altri: C. Contilli (Critico letterario)«[…] desiderio d’amore, amicizia, racconto della vita quotidiana, speranza ed attesa nei confronti del futuro, espresse da una persona che sa descrivere ciò che la circonda, ma sa anche trasfigurarlo con la propria immaginazione[…].

Il titolo della raccolta indica bene la capacità dell’autrice di lavorare per immagini, descrivendo con pochi tratti stati d’animo e situazioni, paesaggi interiori ed esteriori[…]» «[…] I componimenti del libro sono davvero gocce di vita, frammenti di ricordi ed esperienze, che l’autrice rievoca in versi limpidi e dal sapore incantato, perché è riuscita nel corso degli anni a rendere “magica” con il proprio sguardo la realtà che la circonda […]»; S. Orlandi (scrittore) «[…] Una lirica, a tratti semplice, ma che tocca profondamente ognuno di noi, perché semplici sono le cose più importanti che rendono straordinaria l’avventura del vivere[…](Raccolta poetica “Il mondo sottosopra) «[…] in questa raccolta l’autrice, per la forma poetica, il respiro interiore, la dolcezza visiva e la notevole vis onirica, a mio avviso si avvicina molto, pur nella diversità, ad un’altra grande poetessa: Emily Dickinson Una silloge preziosa questa della Angeli, che si dimostra ancora una volta e sempre di più una grande interprete dei sentimenti umani e della vita di ognuno di noi […]». »; E. Ranfoni (Critico letterario) «[…] La parola dell’autrice respira nei versi intensi e netti, batte sulle linee d’inchiostro sottile, danza tra le trame e le storie di attimi, incisi sulla pelle dell’anima»; M. Rocco (docente di Lettere) «[…] Il viaggio attraverso le sue poesie ci fa approdare ai lidi dove trovare vera pace, serenità e gioia caricati dalla fiducia, dal coraggio, dalla perseveranza e dalla determinazione[…]»; M.P. Sambusseti (Critico letterario)«[…] È poesia “incantata” (magica, misteriosa, onirica) quella che talvolta prende corpo in queste pagine in cui la parola è tutto: luce nel buio della solitudine, essenza dell’incontro, della condivisione[…] ». M. Roncaccia (scrittore)“Versi che invitano come astri e desideri ad andare oltre”. Giuria XX Concorso Internazionale G.G. Belli – Roma [Antologia 2008 Accademia d’Arte e Cultura G.G.Belli] «Utilizza la lingua italiana con profonda dovizia di particolari e con saggezza di descrizioni, […]Utilizza l’ermetismo, con evidente disinvoltura ed esprime all’interno delle singole parole una serie di sentimenti –anche profondi- che travalicano il mero senso del significato letterale, per assurgere ad una liricità elevata e pregnante, soprattutto per chi legge. Tinti Baldini (poetessa) «[…] La poetica di Maristella, come già ho evidenziato nel rapido excursus sulla silloge, è una poetica profonda, che tocca molti aspetti del vivere e dell’essere affidandosi ad un registro “intimo” legato alla gioia comunque del vivere, all’apprezzamento della vita utilizzando versi che hanno colore, calore, profumo di un fiore unico. Lo stile consono ai temi è lieve, fresco, non artificioso mai, spesso d’essenza pur avendo dietro riflessione, sensibilità e forti emozioni e corrisponde al linguaggio dell’autentico ascolto. Lulù Turco (Critico letterario) « […] L’autrice mostra una grande abilità nel trasformare sequenze di parole quotidiane in sentimenti che si adagiano sul cuore. È poesia che come foglia raccolta “resti a ricordare la sua vita per raccontarla”». Enzo Calcaterra (docente di Storia e Filosofia, scrittore) « […] nei suoi versi confluiscono le diverse esperienze e sensibilità, fondendosi in un gioco di colori, ritmi, immagini, atmosfere sospese fra magia, fiaba, forza immaginifica e sensualità. Le sue poesie sono “quadri scritti” dove chiunque può cogliere insieme suono, sapore, colore, corposità, introspezione. Tutto questo, senza mai scadere nell’astrazione o nel piatto realismo. Si percepisce la vita fin nelle sue radici, racchiuse in un microcosmo inafferrabile eppure saturo di senso. Va detto che Maristella può disporre nel suo laboratorio di efficaci strumenti, affinati nel tempo, forgiati da un vissuto mai superficiale. Vi troviamo un uso molto accorto delle strutture metriche, del ritmo, delle sfumature sonore e cromatiche. Il tutto, permeato da una estrema “levitas” che ammalia il lettore senza straniarlo, facendo della sua quotidianità l’essenziale, rendendola sempre unica. Provare per credere». Stefania Diamanti (Critico letterario) «[…] Molto apprezzabili le poesie dettate dagli elementi della natura, come le foglie, le gocce d’acqua, il vento, la luce, conducendo il lettore in un mondo idilliaco fatto di serenità e pace in un grande spazio che sconfina tra la terra ed il cielo. Nei tanti flash rappresenta tuttavia vari momenti dell’animo umano: dalla gioia fatta di immagini belle alle riflessioni scandite negli attimi dell’esistere, sempre con tanta dolcezza e soavità oltre che con profonda sensibilità. I versi sono liberi e le poesie, per lo più brevi, appaiono ben definite in una collocazione precisa, letterariamente apprezzabile». (da Poeti e Poesia N.20, Rivista Internazionale Ed. Pagine). Rosella Rapa (Scrittrice) «Le sue poesie sono particolari, simboliche, originalissime e con uno stile tutto suo personale, proprio come i disegni[…] Riflettono un’anima, i suoi moti, le sue sensazioni, non sempre pensieri formati al completo, ma schizzi tracciati con una linea di colore, con più colori sovrapposti. Perché un’anima è così, con mille sfaccettature […]». Maria Rosaria Ferrara (scrittrice) (“In Ascolto” MEF L’Autore Libri Firenze) «[…]Si scopre così un nuovo modo di condividere le emozioni con chi legge, la creazione di una profonda comunione tra chi scrive e chi legge. Sono, tra queste pagine, delle metafore di vita, attimi colti e descritti con le parole più efficaci, adatte a dare il senso profondo di tutto. E quelle che racconta sono le storie di tutti[…]». Emanuele Marcuccio (poeta) (Raccolta poetica “Il mondo sottosopra”) «[…] Il suo poetare è maturo e si caratterizza per l’ampio uso dell’infinito sostantivato rendendo così il verso semanticamente più profondo e, per l’anticipazione del complemento rispetto al soggetto e al predicato apportando così al verso più fluidità e musicalità; il grande poeta americano Ezra Pound (1885-1972) diceva che, il poeta più completo è quello la cui poesia poggia su un tripode ben bilanciato tra logopea, fanopea e melopea, questa è la poesia perfetta[…]». Roberta Bagnoli (poetessa) «[…]Ma per il Poeta l’impossibile diventa possibile, e la nostra Autrice ha questo grande dono: sa andare oltre, sa guardare in faccia il dolore, lo vive e lo sperimenta come una calamità insopportabile, ma attraverso la propria fantasia, il proprio ripiegamento interiore, la propria forza emotiva e poetica riesce ad accettarlo, riesce a metabolizzarlo in versi d’autentico e profondo lirismo. […]» Alessia Mocci (critico letterario) «[…]Le metafore care all’autrice, il colore ed il fiore, ripercorrono tutta la silloge ed attraversano fluidamente le tematiche principali. Anche l’aspetto dell’olfatto come saldatore di ricordi è ben presente ne “Il mondo sottosopra”: l’autrice si lascia trasportare dal pensiero che genera memoria, eco e ricordo, è una passeggiata circolare nel passato che melanconicamente vela le parole di forti significati.[…]» Giuria del Premio “Letterario Leandro Polverini”, Anzio «Le affettività di Maristella Angeli, polarizzate attorno ai suoi legami più profondi, creano atmosfere di profondo impatto emotivo, espresse attraverso una versificazione tesa a incunearsi nelle strettoie di particolari vicende interiori. L’estrema duttilità musicale del suo linguaggio evocativo riesce a tradurre in parole le impennate creative dell’Autrice e rimanda ad un ricco paesaggio lirico, che intreccia il fisico con il metafisico in una tonalità nuova e meritevole di ascolto». Ninnj Di Stefano Busà «[…]Il modello indicato dall’autrice è lineare e profondo, non utilizza arzigogoli che appesantiscono il linguaggio. Vi è un’armonia intorno al verso che governa altra armonia, e la trama e lo sviluppo sono senza costrizione, scivolano felici in una loro eterea e compiaciuta bellezza che è lineare e, allo stesso tempo, straordinaria. […]» (Trottole di vento Edizione Tracce)

Presidente dell’Associazione dell’Associazione Teatro-Cultura “Beniamino Joppolo” Patti (ME) Dr. Luigi Ruggeri Poesia Scricciolo: «La musica del tempo fa sì che la nostra vita sia una melodia a volte struggente, talune altre armonico suono di un animo sempre teso verso l’Assoluto. Poesia di notevole spessore lirico questa di Maristella Angeli in cui la necessità di comunicare cede il passo ad un’eleganza estetica pur sempre presente». Emanuele Marcuccio (poeta e curatore letterario) «[…]Un poetare maturo, che concorre a costruire una mirabile architettura di passioni e di emozioni, dove l’eloquio poetico non è dato dal significato delle parole o dai correlativi oggettivi utilizzati ma dall’abile e consumata disposizione e posizione sul verso[…]» Profumo di tigli in fiore Rupe Mutevole Edizioni.

 

 

 

 

 

 

 

Tag:

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Lascia un commento

*

Rss Feed

Featuring WPMU Bloglist Widget by YD WordPress Developer