I miei Links

Technologeek Word

Wed 2010

Pagine

Commenti recenti

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Elenco Siti

Categorie

Archivi

Log In

Titolo: Specchi dell’anima

Autrice: Angeli Maristella

Prezzo € 8,00
Dati: 2010,

112 p., rilegato

EditoreProgetto Cultura (collana La scatola delle parole)
Fuori edizione, per acquisti contattare l’autrice: maris50@alice.it

Inserito tra le iniziative per il 5 giugno Giornata Mondiale Ambiente

http://www.unep.org/wed/2010/english/activities/

 

Prefazione di Mariella Rocco (Docente di Lettere)

Ho conosciuto Maristella alcuni anni fa nella scuola in cui attualmente ambedue insegniamo e perciò ci siamo affiancate come colleghe perché operavamo con gli stessi alunni.

Mi aveva colpito il suo sguardo colmo di una ribelle dolcezza, mista a una determinata inquietudine.

Non conoscevo ancora la sua predisposizione a comporre versi, conoscevo di lei solo il suo amore per il teatro e il suo particolare “fare” teatro che cercava di trasmettere agli alunni che in un primo momento scalpitanti poi la seguivano con entusiasmo e addirittura appassionandosi in quello che realizzavano attraverso uno spettacolo di fine anno scolastico. La cosa più interessante e senz’altro non marginale è che nello spettacolo venivano inseriti i ragazzi diversamente abili che si sentivano in questo modo parte del tutto.

Ora conosco di lei questo ulteriore aspetto, nuovo per me, ma che naturalmente me l’ha fatta riscoprire come un insieme di sentimenti in una pagina bianca.

La sua raccolta di liriche già nel titolo “Specchi dell’anima” mi ha fatto intravedere che cosa è per lei l’essenza della vita; leggendole e rileggendole spesso ho ritrovato anche me stessa con le mie debolezze, i miei problemi, le mie insoddisfazioni, ma nello stesso tempo mi hanno aiutato a scoprire quante risorse positive ci sono, nascoste, in ognuno di noi.

Questa vita che non è sicuramente un viaggio facile dove non mancano imprevisti, ostacoli, difficoltà e avversità di ogni tipo, ma che è nello stesso tempo meraviglioso e in parte misterioso.

Il viaggio attraverso le sue poesie ci fa approdare ai lidi dove trovare vera pace, serenità e gioia caricati dalla fiducia, dal coraggio, dalla perseveranza e dalla determinazione.

Queste sono qualità che come ha dimostrato non le fanno difetto perché è la Vita il tema di fondo.

 

Recensione di Giuseppe Nava (scrittore)

Maristella Angeli, qui alla sua terza raccolta, propone una poesia che fa delle emozioni e delle sensazioni il punto di partenza di una ricerca per una leggerezza e semplicità dell’esistere.
Uno dei motivi fondamentali da cui scaturisce questa ricerca, di cui i versi sono lo strumento, è la natura, come rimarcato dalla stessa autrice nella nota introduttiva. Il gabbiano, Nuvole, La scogliera, sono solo alcuni titoli esemplificativi di questa tendenza, che da semplice motivo descrittivo (“l’aria che sembra impennarsi”, in Occhi che s’incontrano) diventa a volte un vero e proprio desiderio di identificazione, come nella lirica Vorrei essere pioggia che disseta: “Vorrei avere l’energia / dell’acqua […] vorrei avere la leggerezza / dell’aria […] vorrei essere rigogliosa / come isola hawaiana”. La natura spinge alla contemplazione e attraverso questa alla comprensione, forse, di un equilibrio da cui l’uomo è da tempo escluso.
Con versi liberi, brevi e scanditi, Maristella Angeli cerca da un lato di evocare queste sensazioni sopite, dall’altro di addolcire il dolore (il “richiamo sofferente” di un cane che “abbaia la sua solitudine”, in L’eco risuona) e ricondurre alla quiete i ricordi, allontanare “il freddo gelo” per trattenere “solo il gusto e il dolce profumo” che “inebriava la mente” (Inverno). La forma riflette questa propensione alla quiete, è pacata e musicale, assonanze e rime sono quasi nascoste, l’andamento dei versi è lineare e non eccede mai.
L’autrice, delicatamente ma con ostinazione, prosegue con la poesia un cammino che è prima di tutto esistenziale, consapevole delle difficoltà ma pieno di speranza. La lirica che chiude la raccolta (Valigie) è significativa di questa attitudine: “dolci parole / stelle / che non si spegneranno”.
Commento critico di Graziella Cappelli (poetessa)

Ho letto con interesse la tua raccolta «Specchi dell’anima» e come già immaginavo è stato un bellissimo viaggio. Mi sono trovata nella natura che magistralmente descrivi e penetri come un folletto. Come una bambina hai catturato la meraviglia dell’acqua, del vento del sole. Mi hai portato in luoghi di sogno dove l’anima si libera e respira, tutto con grazia e leggerezza, come mano di fata.

Mi rimane difficile dire quelle che mi sono piaciute di più. Sono tutte belle e scritte con amore. In particolare mi hanno attratto: Il sogno risvegliato, Lo scricciolo, Il gabbiano, Vivi, Un nuovo canto, Tra porte socchiuse, Foglie d’autunno, Profumo di terra, Pace ultraterrena, Nell’acqua resta l’eco, Inverno, Piccoli passi di formica, Nell’immaginario. Ti ringrazio per avermi dato la possibilità di visitare questi luoghi e conoscere il tuo cuore.

 

Recensione di Stefania Diamanti (critico letterario)
L’autrice rivela grande ricchezza interiore, come dimostra la produzione letteraria, avendo partecipato a numerosi concorsi.
Il testo “Specchi dell’anima” offre una produzione di 96 poesie introdotte da una breve pagina esplicativa e da una prefazione di Mariella Rocco, che sottolinea la predisposizione per il teatro e il suo spessore poetico. La dedica è rivolta ai suoi genitori e alle nonne Caterina e Chiara, preceduta da una nota dell’autrice stessa. Molto apprezzabili le poesie dettate dagli elementi della natura, come le foglie, le gocce d’acqua, il vento, la luce, conducendo il lettore in un mondo idilliaco fatto di serenità e pace in un grande spazio che sconfina tra la terra ed il cielo. Nei tanti flash rappresenta tuttavia vari momenti dell’animo umano: dalla gioia fatta di immagini belle alle riflessioni scandite negli attimi dell’esistere, sempre con tanta dolcezza e soavità oltre che con profonda sensibilità.
I versi sono liberi e le poesie, per lo più brevi, appaiono ben definite in una collocazione precisa, letterariamente apprezzabile.
(da Poeti e Poesia N.20, Rivista Internazionale Ed. Pagine)

La poesia Notte taciturna, tratta dalla raccolta poetica “Specchi dell’anima” è sul quotidiano on-line

http://www.linkontro.info/

 

 

 

Tag:

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo.

Lascia un commento

*

Rss Feed

Featuring WPMU Bloglist Widget by YD WordPress Developer